Come scegliere una crema solare: benefici, danni, composizione e regole d’uso

La protezione solare, chiamata popolarmente crema solare o crema antisole, è uno dei prodotti igienici più indispensabili quando si viaggia. E non solo in mare, ma anche ovunque ci sia il rischio di scottature.

Come molti altri turisti, ero solita andare in farmacia e comprare quello con il massimo SPF, come mi consigliava mia madre da bambina. Tuttavia, di recente ho riflettuto a fondo, ho iniziato a studiare la questione e sono giunta alla conclusione che non tutto è così semplice.

In questo articolo, analizzerò i punti principali di questa domanda: perché e quando è necessaria la protezione solare, quale tipo e come sceglierla, come usarla correttamente e molto altro ancora!

[toc]

Perché è necessaria la crema solare

Quindi, il sole. I suoi raggi portano radiazioni ultraviolette dannose e benefiche allo stesso tempo. Esistono tre tipi di radiazioni1, di cui due sono rilevanti per l’argomento della conversazione odierna:

  • UVA – provoca l’invecchiamento della pelle, la comparsa di lentiggini e macchie senili.
  • UVB – causano ustioni alla pelle e possono provocare il cancro alla pelle
Come scegliere una crema da o per l'abbronzatura: istruzioni dettagliate
Come scegliere una crema da o per l’abbronzatura: istruzioni dettagliate

I danni di questi raggi sono scientificamente provati e devono essere combattuti. Per questo motivo è stata inventata la protezione solare, che ha lo scopo di proteggere la pelle da un’inutile esposizione ai raggi ultravioletti.

Molti di noi sanno fin dall’infanzia che quando si va al mare si deve andare a comprare la crema solare. Tuttavia, pensiamoci bene: sono tutte applicazioni? Certo che no. Sono utili anche se non ci si abbronza. Se si va in paesi caldi, non si può fare a meno della crema solare. E più ci si avvicina all’equatore, più l’angolo dei raggi solari è diretto e più è probabile che ci si scotti.

Se si è esposti al sole per molto tempo, la crema è anche indicata. La applico sempre sulle zone della pelle non coperte dai vestiti, anche durante il normale ciclismo in Ucraina. Con un vento leggero non avvertiamo subito la comparsa di scottature e la pelle ne risente.

Le creme solari e le protezioni solari si differenziano solo per il grado di protezione (SPF) contro i raggi UV.
Le creme solari e le protezioni solari si differenziano solo per il grado di protezione (SPF) contro i raggi UV.

Se la vostra vacanza invernale non si svolge sulle calde spiagge dell’Egitto, ma in un luogo dove si scia o si fanno escursioni in montagna, pensate di poter evitare di usare la crema? Non è così. In quota, e anche sullo sfondo della neve bianca, che riflette così bene le radiazioni solari, le scottature sono particolarmente gravi.

Pertanto, voglio trasmettervi l’idea principale: dovreste usare la protezione solare ogni volta che vi esponete alla luce del sole, indipendentemente dal periodo dell’anno e dalla presenza di una spiaggia nelle vicinanze. Dopotutto, anche se nel cielo ci sono delle nuvole, i raggi nocivi raggiungono la superficie della terra e quindi danneggiano la salute.

Oltre alla protezione solare, nei Paesi caldi si raccomanda di seguire tutte le raccomandazioni relative all’abbigliamento, al cibo e alle bevande riportate nell’articolo “Come salvarsi dal caldo“.

Come scegliere una protezione solare

Vi suggerisco di valutare qualsiasi crema in base a una serie di criteri che vi indicherò di seguito. Cercherò di giustificare ogni criterio in modo che possiate capire perché vi consiglio questa o quella variante.

Quando si sceglie una crema, è bene ricordare che la sua missione principale è quella di proteggere la pelle e la salute per molti anni dopo l'applicazione (gli effetti delle scottature solari possono manifestarsi 20 anni dopo!).
Quando si sceglie una crema, è bene ricordare che la sua missione principale è quella di proteggere la pelle e la salute per molti anni dopo l’applicazione (gli effetti delle scottature solari possono manifestarsi 20 anni dopo!).

Inizialmente avevo l’idea di testare centinaia di creme, ma ho deciso di tenere conto del fatto che i miei lettori si trovano in zone molto diverse del mondo e che i produttori sono diversi ovunque. Pertanto, sarebbe meglio descrivere i principali criteri di autoselezione.

SPF nella crema solare

Quindi, lo stesso SPF di cui tutti hanno sentito parlare. Si tratta del fattore di protezione solare, che può variare da 10 a 75 nelle creme.

Questo dato viene calcolato in modo piuttosto strano. Molti pensano che sia una sorta di indicatore del numero di raggi bloccati. Ma c’è una sfumatura che indica che l’influenza principale è il tempo di protezione. È necessario tenere conto del tempo trascorso al sole, della posizione geografica e di molto altro ancora.2.

  • Se SPF < 5 – la crema blocca fino al 65% dei raggi UV e fornisce una protezione di base.
  • Le creme con 15 SPF sono normalmente in grado di proteggere la pelle normale o bruna in una giornata diurna nella fascia centrale della Russia. Blocca fino al 93% di tutti i raggi UV.
  • Le creme con SPF 30 trattengono fino al 97% delle radiazioni solari.
  • Una crema con 50 SPF offre una latenza fino al 99%.3.

Le creme con almeno 30 SPF sono considerate le più efficaci. Una differenza del 5% può essere significativa, soprattutto per le persone con pelle sensibile o chiara, soggette a invecchiamento o con un gran numero di nei.

Ricordate che i nei sono un ulteriore fattore di rischio, quindi non esitate a farli controllare da un medico prima di volare in un paese caldo o di andare in vacanza al mare. La procedura di dermatoscopia è indicata a scopo preventivo una volta all’anno.

A mio avviso, l'opzione migliore è una crema con un grado di protezione di 30 SPF. È adatta sia alla spiaggia che alle condizioni urbane delle nostre latitudini.
A mio avviso, l’opzione migliore è una crema con un grado di protezione di 30 SPF. È adatta sia alla spiaggia che alle condizioni urbane delle nostre latitudini.

Le creme da 50SPF non sono consigliate per diversi motivi. La differenza non sarà più significativa nel ritardo dei raggi, perché nessuna crema vi proteggerà al 100%. Ma le sostanze nocive contenute sono molto di più. Al momento non è possibile produrre creme solari con un fattore di protezione solare superiore a 50 SPF con componenti sicuri.

La differenza principale è il tempo di protezione. Ad esempio, se al sole, con il vostro tipo di pelle, vi scottate di solito per 10 minuti, con una crema SPF 50 la protezione durerà 50 volte, cioè fino a 500 minuti. Tuttavia, tutte le creme perdono la loro efficacia dopo 2 – 3 ore e i produttori consigliano di riapplicarle comunque.

Pertanto, vi consiglio di scegliere una crema con un SPF compreso tra 30 e 50.

Assicurarsi di conservare la crema in un luogo protetto dalla luce solare diretta, altrimenti la sua efficacia diminuirà e potrebbe addirittura scomparire del tutto.

Se decidete di prendere il sole in spiaggia, non dovreste nemmeno uscire dalla vostra stanza senza crema solare!
Se decidete di prendere il sole in spiaggia, non dovreste nemmeno uscire dalla vostra stanza senza crema solare!

Si noti che la crema deve essere applicata 20-30 minuti prima di esporsi al sole e non direttamente sulla spiaggia, quando si è già sdraiati per prendere il sole.

Crema, spray o polvere?

Le creme solari sono ora disponibili in molte varianti diverse: creme, gel, lozioni, polveri, spray e aerosol… Ho persino trovato delle matite solide in vendita!

Nonostante le numerose comodità associate a un fattore di forma o a un altro, gli svantaggi superano i vantaggi.

Ad esempio, i prodotti solari in polvere. Possono facilmente penetrare nelle vie respiratorie (soprattutto dei bambini) o nell’esofago e sono miscele molto dannose. Gli ingredienti più sicuri, come l’ossido di zinco o il biossido di titanio, possono causare reazioni allergiche e malattie molto gravi se inalati o ingeriti.

Quando si sceglie la forma del rimedio (crema, spray e simili), vale la pena di privilegiare quella più comoda da usare.
Quando si sceglie la forma del rimedio (crema, spray e simili), vale la pena di privilegiare quella più comoda da usare.

Per quanto riguarda i nebulizzatori, molti medici affermano che si tratta di una delle opzioni peggiori, in quanto non possono garantire un’applicazione uniforme e quindi peggiorano solo il problema dell’abbronzatura.

Molte creme sono oggi pubblicizzate come resistenti all’acqua, ma questo vale solo per situazioni come la sudorazione durante l’attività fisica, ecc. Se si entra in mare o in piscina e poi ci si asciuga con un asciugamano, è necessario rinnovare la crema, poiché il suo effetto è cessato.

La pratica dimostra che l’opzione migliore rimane quella delle creme classiche, che vanno applicate su tutta la superficie non protetta del corpo con l’aiuto delle mani in modo uniforme, senza lasciare spazi vuoti. Se avete già un balsamo o uno spray, versatelo prima sul palmo della mano e poi distribuitelo sulla pelle.

Ingredienti dannosi e accettabili per la protezione solare

Purtroppo non sono ancora stati inventati rimedi solari del tutto naturali, fatta eccezione per gli indumenti. Tuttavia, quando si studia la composizione delle creme solari, consiglio di escludere tutte quelle che ne contengono di più dannose, senza le quali si può fare a meno. Se possibile, è meglio dare la preferenza ai prodotti su base naturale, il cui prezzo è però molte volte superiore.

Se si tratta di un prodotto di largo consumo, è importante studiarne la composizione. In questo modo sarete in grado di capire più o meno cosa state mettendo sul vostro corpo. Non dimenticate che le creme sono caratterizzate da reazioni chimiche. Non bisogna avere paura di ogni elemento chimico presente nella composizione, perché non se ne può fare a meno e non tutti sono dannosi.

Ricordate che anche gli elementi sicuri contenuti nelle creme solari possono causare una reazione allergica individuale. Soprattutto nei bambini.
Ricordate che anche gli elementi sicuri contenuti nelle creme solari possono causare una reazione allergica individuale. Soprattutto nei bambini.

I seguenti ingredienti presenti nelle creme sono considerati accettabili a loro volta4:

  • Acido aminobenzoico – Acido 4-aminobenzoico
  • Avobenzone
  • Cinoxato
  • Diossibenzone
  • Homosalate
  • Meradimate
  • Octocrylene
  • Octinoxate
  • Octisalate
  • Oxybenzone
  • Padimate O
  • Ensulizole
  • Sulisobenzone
  • Titanium dioxide
  • Trolamine salicylate
  • Zinc oxide

I bambini di età inferiore ai 6 mesi non dovrebbero essere esposti direttamente ai raggi solari nocivi durante il caldo della giornata, e si sconsiglia l’uso di corrente e di bagni di sole. Anche l’applicazione di creme solari sui bambini di età inferiore ai sei mesi non è auspicabile. Lasciarli vestiti4.

Tuttavia, i bambini non hanno affatto bisogno di abbronzarsi, quindi è meglio lasciarli vestiti in spiaggia. Già così possono assumere vitamina D e non hanno bisogno di
Tuttavia, i bambini non hanno affatto bisogno di abbronzarsi, quindi è meglio lasciarli vestiti in spiaggia. Già così possono assumere vitamina D e non hanno bisogno di “friggere” al sole.

Come usare correttamente la protezione solare

Dove mettiamo la crema sul nostro corpo? Esatto, tutti lo fanno in spiaggia.5, che è una decisione fondamentalmente sbagliata, in quanto non inizia a funzionare immediatamente, quindi di fatto prendiamo il sole senza protezione.

Secondo le raccomandazioni cliniche, la crema deve essere applicata in anticipo, circa 15 minuti prima di uscire al sole. Ciò consentirà di assorbirla e di attivarsi al momento del contatto con la luce ultravioletta nociva.

Applicare la protezione solare in modo uniforme senza strofinare. A tale scopo, prelevare una quantità sufficiente di crema sulla mano e applicarla sulla pelle con movimenti leggeri e picchiettanti.5. Spalmare tutta la pelle non coperta da indumenti, ad eccezione dell’area intorno agli occhi e alla bocca.

Sapere come applicare e conservare correttamente i prodotti abbronzanti è la chiave per un uso efficace.
Sapere come applicare e conservare correttamente i prodotti abbronzanti è la chiave per un uso efficace.

Inoltre, l’applicazione della protezione solare deve essere ripetuta ogni due ore di esposizione al sole e dopo il contatto con l’acqua (anche se c’è scritto che è resistente all’acqua).((Sunscreen: How to Help Protect Your Skin from the Sun // U.S. Food and Drug Administration URL: https://www.fda.gov/drugs/understanding-over-counter-medicines/sunscreen-how-help-protect-your-skin-sun (дата обращения: 03.02.2020).)).

Conclusioni

Pertanto, la protezione solare dovrebbe essere un accessorio essenziale durante l’estate e oltre. Vi aiuterà a salvare la vostra salute e il vostro bell’aspetto.

Anche se non è sempre conveniente, è meglio non trascurare questo mezzo di protezione.

Domande frequenti

Qual è la differenza tra crema solare e crema abbronzante senza sole?

Non c’è alcuna differenza, è solo una manovra di marketing. Le creme abbronzanti sono quelle con una protezione inferiore a 25 SPF che lasciano passare più luce UV, permettendo alla pelle di abbronzarsi più velocemente. Quelle più “forti” sono chiamate “creme solari” perché si abbronzano molto più lentamente.

Quali sono i danni della crema solare

Esistono leggende sui danni e i benefici della protezione solare, ma la maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che, quando la si usa in spiaggia, i benefici superano di gran lunga i danni. L’aspetto principale è la composizione, l’assenza di elementi nocivi e la corretta conservazione. Non utilizzare, comprensibilmente, sui bambini piccoli.

Cosa si può sostituire alla protezione solare

Niente. Non è possibile replicare la composizione chimica della protezione solare a casa, e quindi non si potrà proteggere la pelle dai raggi ultravioletti con i mezzi “della nonna”. Se non si dispone di una protezione, è meglio rimanere vestiti e astenersi dal prendere il sole.

Cosa è meglio: crema solare o crema abbronzante spray

Non c’è alcuna differenza fondamentale. Vale la pena di scegliere un prodotto che sia più facile da applicare in modo uniforme sulla pelle. Non è consigliabile utilizzare uno spray se si hanno bambini, perché potrebbero accidentalmente spruzzarsi negli occhi.

Come lavare la protezione solare

Se dopo l’uso di questa crema si formano delle macchie sui vestiti, il lavaggio può essere piuttosto problematico. Provate dapprima a lavarli in lavatrice con prodotti normali. Se non dovesse servire, usate uno smacchiatore. Ci sono casi in cui una macchia di questo tipo non può essere rimossa affatto. Provate con Domestos (in caso di grave effetto colorante) e Fairy (se la macchia è grassa).
Tuttavia, il consiglio principale è quello di andare urgentemente a cambiare la protezione solare stessa, scegliendola secondo le regole descritte in questo articolo.
Non posso fare a meno di notare che la crema Biocon del produttore ucraino ha portato a un cambiamento del mio intero guardaroba estivo, comprese alcune camicie molto costose.

Quanto dura la crema solare

La durata di conservazione di ogni crema è diversa a causa delle diverse composizioni. Pertanto, è meglio attenersi a quella indicata dal produttore sulla confezione.
Non utilizzare creme scadute o acquistate da più di 3 anni.4.

Quanto dura la protezione solare

Non più di due ore o prima del contatto con l’acqua.

Quale crema solare è la migliore

Non esiste una risposta definitiva a questa domanda, poiché è necessario prendere in considerazione il proprio tipo di pelle e le sue peculiarità. Leggete il nostro articolo completo per capire le basi della scelta della crema.

Come fare la protezione solare

Non è possibile creare in casa una protezione solare che protegga la pelle.

Come funziona la protezione solare

Alcuni elementi creano un filtro fisico sotto forma di una pellicola sottile e invisibile sulla superficie della pelle, riflettendo così i raggi UF-A. A loro volta, quelli chimici penetrano nella pelle e bloccano le radiazioni UF-B.

Come conservare la crema solare

Affinché il prodotto mantenga la sua efficacia, deve essere conservato in un luogo buio, al riparo dalla luce solare diretta, preferibilmente fresco, ma non al di sotto di +5. Inoltre, è bene conoscere le istruzioni per l’uso del prodotto, che possono contenere ulteriori raccomandazioni.4.

  1. ISO 21348 // Space Environment Technologies URL: http://www.spacewx.com/ISO_solar_standard.html (дата обращения: 03.02.2020). []
  2. Sun Protection Factor (SPF) // U.S. Food and Drug Administration URL: https://www.fda.gov/about-fda/center-drug-evaluation-and-research-cder/sun-protection-factor-spf (дата обращения: 03.02.2020). []
  3. Ласевич А. А. Солнцезащитный крем как фактор профилактики вредного влияния солнца // Актуальные вопросы радиационной и экологической медицины, лучевой диагностики и лучевой терапии : сборник материалов I Межуниверситетской научно-практической интернет-конференции студентов, магистрантов, аспирантов и молодых ученых, г. Гродно, 27 марта 2017 г.. Гродно: Учреждение образования “Гродненский государственный медицинский университет”, Кафедра лучевой диагностики и лучевой терапии, 2017. С. 127-130. []
  4. Sunscreen: How to Help Protect Your Skin from the Sun // U.S. Food and Drug Administration URL: https://www.fda.gov/drugs/understanding-over-counter-medicines/sunscreen-how-help-protect-your-skin-sun (дата обращения: 03.02.2020). [] [] [] []
  5. Мартинкевич, А. В Изучение уровня осведомлённости молодёжи о влиянии ультрафиолетового излучения на здоровье и отношения к загару // Актуальные вопросы радиационной и экологической медицины, лучевой диагностики и лучевой терапии : сборник материалов I Межуниверситетской научно-практической интернет-конференции студентов, магистрантов, аспирантов и молодых ученых, г. Гродно, 27 марта 2017 г.. Гродно: Учреждение образования “Гродненский государственный медицинский университет”, Кафедра лучевой диагностики и лучевой терапии, 2017. С. 81-85. [] []

Эта запись также доступна на: Русский (Russo) English (Inglese) Українська (Ucraino) Deutsch (Tedesco) Español (Spagnolo) 简体中文 (Cinese semplificato)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *