,

Uzhgorod. Il centro regionale più piccolo. Rapporto fotografico

Uzhgorod è il più piccolo centro regionale dell’Ucraina. È anche uno dei pochi centri in cui non si può indovinare il nome della regione stessa, perché è Zakarpattia.

In Ucraina, la gente sa che in Transcarpazia fioriscono i ciliegi. La confondono con l’Ucraina occidentale (leggi: la regione di Leopoli), cosa che i locali non condividono affatto. La regione è complessa e non semplice. Ma ho deciso di guardarla dal punto di vista di un semplice viaggiatore e quindi durante il nostro viaggio Praga-Zakarpattya ci siamo fermati qui per qualche giorno.

Potete leggere le vostre impressioni in questo articolo. Benvenuti in questo articolo!

La città è davvero piccola per gli standard ucraini: 40 km² di superficie e poco più di 112.000 abitanti. La si può girare in poche ore e probabilmente non ci saremmo fermati a lungo se non avessimo deciso di usarla come base per visitare i vari castelli della Transcarpazia.

Naturalmente, anche Uzhgorod è stata esplorata il più possibile. Nonostante le sue piccole dimensioni, il terreno qui è piuttosto complesso e quindi bisogna sudare per camminare per le strade. Soprattutto se si vuole salire al castello.

Ho trovato il Castello di Uzhgorod piuttosto noioso, ma non si può sbagliare. Si erge orgoglioso sopra l’intera città e vi richiama. Le mura di pietra e i fossati attirano l’attenzione. Vale la pena visitarlo. Parlerò del castello stesso in un articolo a parte, poiché la sua storia è molto interessante.

I primi giorni sono stati molto piovosi, il che però ha aumentato il fascino delle strade acciottolate.

Le strade di Uzhgorod vicino al castello sono ancora lastricate di sampietrini
Le strade di Uzhgorod vicino al castello sono ancora lastricate di sampietrini

Qui non ci sono strade lisce. Bisogna arrampicarsi su queste pietre molto lastricate, il che è difficile anche con le scarpe sportive.

La Cattedrale greco-cattolica dell’Esaltazione della Santa Croce non è da meno. Fu fondata nel 1640 dai gesuiti e completata nel 1646.

 Cattedrale greco-cattolica della Santa Croce a Uzhgorod
Cattedrale greco-cattolica della Santa Croce a Uzhgorod

Di fronte si trova il monumento all’imperatrice Maria Teresa, che donò la cattedrale ai greco-cattolici tra il 1773 e il 1780.

Vicino alla statua di Maria Teresa
Vicino alla statua di Maria Teresa

Durante la stesura di questo articolo, ho inaspettatamente diviso la città in tre parti. La prima è quella dei castelli storici, di cui si è parlato sopra. La seconda è quella tipica post-sovietica. Il terzo – qualcosa di accogliente, europeo, con uno strato di polvere …. Come se nessuno avesse pulito il vecchio castello per molto tempo.

L’occhio coglie proprio le strutture che affascinano il tipico filisteo degli anni Novanta e che sono il sogno orribile di Oduvan. Naturalmente – diluito da una tonnellata di pubblicità e da terribili insegne.

Nel cuore della città moderna, vicino alla piazza del mercato
Nel cuore della città moderna, vicino alla piazza del mercato

Lo stile sovietico-jugoslavo non è scomparso, anzi, qui non è stato meno curato che nel resto dell’URSS, nonostante la Transcarpazia sia stata una delle ultime ad essere annessa dopo la Seconda Guerra Mondiale.

E allo stesso tempo, si può notare che le persone stanno cercando di abbellirlo in qualche modo. Molto verde: cespugli, alberi, viti…. Dietro a tutto questo si cerca di nascondere un’architettura non delle migliori e a volte risulta così bella da risultare accogliente….

Recinzioni e muri grigi e spenti delle case cercano di essere decorati con graffiti. Per esempio, questo passero ha toccato la mia anima.

Graffiti - un passero congelato a Uzhhorod
Graffiti – un passero congelato a Uzhhorod

Ed eccoci qui. È tutto molto bello. Hanno piantato tanto verde. Hanno dipinto le panchine. C’è anche un bel parco con un mormorio d’acqua, in cui è così accogliente nascondersi dal sole in una giornata calda.

E proprio quando pensate di iniziare ad amare questa città, ecco che compare qualcosa di metallico che vi fa venire voglia di esclamare un “mat” a tutta la strada. Che cos’è questo orrore?

A quanto pare questo era un toro nella fantasia dell'autore?
A quanto pare questo era un toro nella fantasia dell’autore?

Qualcuno l’ha inventato, vero? L’ha autorizzato. L’ho fatto io. L’ho appeso. L’ho dipinto. Cos’è questo mostro e a cosa serve?

Naturalmente, gli alberi, i prati e le panchine che fronteggiano l’ennesima sala giochi e casinò illegali mascherati da bingo e lotterie.

I villeggianti sono incoraggiati a godersi la vista della terribile pubblicità esterna e della sala giochi

E poi, quando si vuole ululare a tutto questo, si prendono i piedi e si scappa. Ma non fuori città. Lungo il fiume Uzh fino alla parte vecchia della città. La parte accogliente, accogliente, accogliente della città.

Argine del fiume Uzh

Qui vi aspettano antichi edifici… Alcuni di essi sono stati restaurati.

Alcuni edifici stanno cercando di essere restaurati (almeno le facciate).

E alcuni di essi hanno la stessa probabilità di crollare. Mi ha ricordato Stryi, nella regione di Leopoli, dove andavamo in vacanza da Morshyn.

A volte ci si sorprende che l’edificio sia ancora in piedi.

I miei occhi si aggrappano a monumenti interessanti. Per esempio, questo monumento allo zio Kolya, l’uomo delle lanterne, che, secondo la targa commemorativa, ha svolto il suo compito per decenni e lo ha fatto perfettamente.

Monumento allo zio Kolya, il fabbricante di lanterne, sul muro di una delle case
Monumento allo zio Kolya, il fabbricante di lanterne, sul muro di una delle case

C’è una cosa bellissima: uno stand di bookcrossing. Mi dispiace di non essere entrata per vedere che tipo di libri ci sono dentro. Comunque, in ogni caso – è felice. È importante che sia richiesto. Dopotutto, oggi gli ucraini non leggono praticamente più libri.1, e questa è una strada che non porta da nessuna parte.

Uno stand di bookcrossing nel centro di Uzhgorod permette di scambiare libri interessanti

E se si imbocca una delle stradine strette, ci si imbatte in una grande quantità di arte di strada. Sconosciuti al grande pubblico, gli artisti hanno decorato le pareti della biblioteca centrale della città al meglio delle loro capacità e della loro immaginazione.

Qui hanno deciso di appendere a terra degli ombrelli colorati. Una trovata che si è diffusa in tutto il mondo. Ricordate che l’abbiamo vista a Belgrado?

Ombrelli colorati sulla strada di Uzhgorod

A proposito, vedete l’orso contro la bandiera ucraina sulla sinistra? L’ho notato solo ora. È un riferimento alle poesie di Kornei Chukovsky o allo stemma della regione della Transcarpazia.

E cosa non mi è piaciuto di tutto questo? La picchiata, dov’è? Ecco, basta girare la testa a destra.

Pulite il posto, è il centro della città! La bellezza può essere creata solo da un’impressione completa, non da “frammenti”.

Hanno fatto un bel vicolo, non possono occuparsi dei derelitti? Non potete almeno abbellirlo un po’, in modo che non dia nell’occhio?

Ma non parleremo delle cose negative, bensì cercheremo di notare i dettagli più positivi. Per esempio, una lavagna su cui è scritta in braille (per i non vedenti) una breve guida della città.

Guida in braille di Uzhgorod per non vedenti

Purtroppo, non ha alcuna utilità a causa della totale mancanza di infrastrutture inclusive in città.

La definirei un promemoria per ricordare a ciascuno di noi che viviamo in un mondo in cui ci sono persone con bisogni speciali. L’importante è che non diventi un tic nel cervello dei funzionari locali, dicendo che una tale targa è una città inclusiva.

Tuttavia, è stato installato a spese delle organizzazioni comunitarie e dell’università locale.2, e quindi nessun funzionario era moralmente compromesso dalla necessità di pensare.

L’edificio della sinagoga di Uzhgorod è un altro spettacolo di incredibile bellezza. Fu fondata nel 1904 e oggi ospita la società filarmonica regionale. La “riformattazione” avvenne dopo la Seconda guerra mondiale, quando arrivò il potere sovietico. Tutto ciò che è legato all’ebraismo è stato rimosso e quindi non è possibile vedere le sontuose decorazioni del tetto e della facciata.

Sinagoga ortodossa di Uzhgorod
Sinagoga ortodossa di Uzhgorod

Ma ciò che è sopravvissuto fino ad oggi è una delizia per gli occhi dei turisti! Tanti dettagli che si vogliono guardare per ore!

Non si può nemmeno attraversare un ponte a piedi. Bisogna prestare attenzione alle piccole cose. Ecco il corrimano, un riferimento in miniatura alla Statua della Libertà.

Riferimento in miniatura alla Statua della Libertà nel centro di Uzhgorod

Più in basso, sul corrimano successivo della stessa scala, c’è un cubo di Rubik in metallo. E sotto i vostri piedi ci sono i cartelli di distanza di varie città del mondo.

Segnali di distanza per le capitali del mondo
Segnali di distanza per le capitali del mondo

Belgrado, Vienna, New York. Scegliete voi.

Non sono mai riuscito a trovare le parole per descrivere Uzhgorod. Cosa mi sembrava? Una piccola città dall’architettura sovietica? No! Europea e accogliente? Neanche questa è la parola giusta…

Si può camminare e imbattersi in un idrante rosso. Qui non è percepito come negli Stati Uniti. È più come a Mostar.

È una città incredibile, per un amante. Non proprio retrò… Solo Uzhgorod. Proprio come la ricordo.

Le auto retrò sono tornate di moda
Le auto retrò sono tornate di moda

E concludo l’articolo con questo scatto di un’auto d’epoca. È bellissima, soprattutto per le strade di questa città, non è vero? È un luogo in cui dovreste tornare. Soprattutto in primavera, quando fioriscono i ciliegi. Ma questa è un’altra storia…

  1. Сколько читают украинцы // Research & Branding Group URL: http://rb.com.ua/blog/skolko-chitajut-ukraincy/ (дата обращения: 03.02.2020). []
  2. В УжНУ изготовили туристическую карту Ужгорода для слепых туристов // UA-Reporter URL: https://ua-reporter.com/news/v-uzhnu-izgotovili-turisticheskuyu-kartu-uzhgoroda-dlya-slepyh-turistov (дата обращения: 03.02.2020). []

Эта запись также доступна на: Русский (Russo) English (Inglese) Українська (Ucraino) Deutsch (Tedesco) Español (Spagnolo) العربية (Arabo) 简体中文 (Cinese semplificato)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *