,

Cascate di Bukhtivetsky e Kapelny

Uno dei luoghi più memorabili della regione di Ivano-Frankivsk per me sono state le cascate Buchtivetsky e Kapelny. Le ho visitate quando sono arrivata per la prima volta nella regione dei Carpazi e da allora non solo ci sono andata molte volte, ma ho anche portato tutti i miei amici che mi chiedevano di mostrare loro qualcosa di interessante.

Oggi voglio mostrarvi come li ho visti e darvi alcune informazioni turistiche di base per chi vuole visitarli.

Amo molto le cascate. È una mia passione. Forse il motivo è che sono nata in una zona pianeggiante e non le avevo mai viste prima di iniziare a viaggiare attivamente con la mia auto. Sono anche riuscito a trovare una piccola cascata vicino alla città di Volnyansk, nella regione di Zaporozhye, ma è artificiale e molto piccola.

[toc]

Prima visita (marzo 2023)

All’inizio del 2023 i miei amici mi trascinarono a Ivano-Frankivsk per aiutarmi a rilassarmi dai brutti pensieri e dagli eventi. Ho chiesto subito: volevo vedere altre cascate. E pochi giorni dopo il mio arrivo, ci siamo messi in viaggio.

L’inizio della primavera e l’umidità della strada non potevano impedirci di viaggiare, per fortuna avevamo un’auto. Lasciata Ivano-Frankivsk, dove vivevamo nel distretto di Pasichna, siamo partiti in direzione di Nadvornaya. Per tradizione, lungo la strada ci siamo fermati al supermercato ATB e abbiamo comprato frutta e caffè per il viaggio.

Proseguendo su una buona strada abbiamo raggiunto il villaggio di Pasichna (sì, che coincidenza) e all’improvviso il navigatore ci ha chiesto di uscire dalla strada. Per l’Ucraina, tuttavia, questa è la norma. Non c’è una buona strada per raggiungere molti luoghi di interesse qui.

Continuammo a percorrere la strada attraverso un terreno completamente dissestato. La povera VW Golf non capiva perché fosse stata punita e perché invece di un viaggio in famiglia sull’autostrada tedesca fosse costretta a guidare tre idioti su una strada sterrata disseminata di pietre taglienti e con un’enorme pendenza.

Superato il villaggio di Sokolovitsa, abbiamo deciso di fare una pausa e di visitare i cespugli più vicini. Lungo la strada, abbiamo trovato alcuni vizi dello stesso fiume Buhtivets, non lontano dal luogo in cui sfocia nella Bystrytsya Nadvirnianska.

Abbiamo fatto una breve sessione fotografica e siamo andati avanti. Di tanto in tanto la musica negli altoparlanti gridava al mio compagno, quando ancora una volta le pietre colpivano il fondo dell’auto. Dopo tutto, l’Ucraina è assolutamente preparata per il turismo civile.

La stazione finale è il villaggio di Bukovoye. Qui abbiamo lasciato l’auto e siamo arrivati alla discesa.

Villaggio di Pasechnoye, vicino alla cascata di Bukhtivetsky. Qui abbiamo lasciato l'auto
Villaggio di Pasechnoye, vicino alla cascata di Bukhtivetsky. Qui abbiamo lasciato l’auto

Sì, l’accesso è al livello superiore. Di conseguenza, per arrivare ai piedi della cascata bisognava scendere un pendio molto ripido. Da qualche parte c’era una scala con ringhiere, ma al momento del nostro arrivo alcuni corrimano erano rotti e la scala scendeva fino al pavimento della strada. Siamo scesi lentamente, poiché nella compagnia c’era una persona che aveva paura dell’altezza.

Ed ecco che, dopo pochi minuti, una cascata è apparsa alla vista. Era la più grande che avessi mai visto.

Purtroppo la mia macchina fotografica con le foto della cascata è scomparsa. Quindi devo usare i selfie del mio telefono 🤷‍♂️.
Purtroppo la mia macchina fotografica con le foto della cascata è scomparsa. Quindi devo usare i selfie del mio telefono 🤷‍♂️.

Il tentativo di raggiungere la seconda cascata è fallito: il mio piede è scivolato nell’acqua gelida e le mie scarpe si sono subito inzuppate. Mi sono arreso, ho fatto qualche passo nell’acqua gelida, ho guardato da lontano le Dripping Falls (non mi hanno impressionato come la seconda volta) e sono tornato alla macchina risalendo il pendio. Avevo un paio di scarpe e calze di ricambio, il che mi ha salvato la salute.

Tornata al piano di sotto con le ragazze, non riuscivo ad assaporare le emozioni di essere qui da molto tempo. Da qualche parte c’era ancora la neve sotto i piedi. Mi trovavo ai piedi di una cascata. E quest’acqua, che scorreva davanti a me, come per lavare via tutto il dolore che si era accumulato in me….

Dopo circa 15 minuti abbiamo deciso di tornare in cima. Non ho resistito e sono corso a guardare la cascata dall’alto. Da lì si può vedere quanto sia potente e alta, ma l’impressione non è così forte come quando la si guarda dal basso.

Vista della cascata Bukhtyvetsky dall'alto
Vista della cascata Bukhtyvetsky dall’alto

Ho risalito la corrente, ma poi ho rinunciato all’idea di camminare fino a Buhtivets Verkhny, anche se mancavano solo 15 metri. Ero veramente stanco, fuori stava diventando sempre più buio e freddo. Era ora di tornare in città.

Seconda visita (luglio 2023)

Una mia conoscente e i suoi figli, in fuga dalla guerra, hanno lasciato la zona di guerra. Si sono stabiliti nella regione di Ivano-Frankivsk e, quando ci siamo trovati in città con loro, non ho potuto fare a meno di fargli visitare alcuni luoghi interessanti. Tra cui la cascata Buchtivetska.

Questa volta faceva molto più caldo all’esterno. Questo ha aggiunto una sensazione piacevole alla visita. Dopotutto, dal caldo si poteva scendere alla cascata, nella beata frescura. E persino starci sotto o fare il bagno, se si erano portati asciugamani e indumenti da bagno.

Questa volta, spinto dalla figlia curiosa e agitata, sono riuscito a raggiungere le Dripping Falls e a scoprirle appieno. Un luogo ideale per le foto e la meditazione.

I bambini del posto, che ci hanno incontrato durante la salita, ci hanno raccontato che in paese ci sono dei malintenzionati che tagliano le ruote delle auto dei turisti se non danno loro dei soldi. Non mi sono imbattuto in questa situazione, ma non posso escludere un comportamento del genere.

Terza visita (agosto 2023)

L’ultima visita in questo anno intenso è stata con la mia ragazza. Sono andato a prenderla a Zaporizhzhya dopo che due granate erano esplose a 50 metri di distanza, distruggendo un hotel.

Dopo il suo lavoro andavamo spesso da qualche parte quando c’era ancora luce in estate. Così abbiamo visitato queste cascate.

Improvvisamente – le scale e le ringhiere erano state sicuramente tentate da qualcuno. Sono diventate meno pericolose e ora si possono scendere con meno fatica. Da quanto ho capito, l’intervento è stato effettuato da una persona della comunità locale, che ringrazio molto.

Informazioni turistiche

La cascata di Buchtivets è alta circa 8 metri. Non è assolutamente la più alta o la più potente della zona, ma è piuttosto impressionante, soprattutto in primavera e in autunno. Inoltre, la cascata Kapelný può ghiacciarsi in inverno, e anche in questo caso ha un aspetto favoloso.

Una volta vista, non abbiate fretta di andarvene. Poco distante, a 50 metri dietro un boschetto di alberi, si trova un’altra cascata, non meno piacevole: la cascata Kapelny. Si chiama così perché, a differenza della sua omologa, è formata da un sottile ruscello e cade dall’alto non come un ruscello, ma come gocce. La sua altezza è di circa 12 metri.

Per raggiungere la cascata Kapelný bisogna attraversare la riva opposta del fiume Buchtivets. In questo punto il fiume è largo circa 4 metri, ma è profondo al massimo fino alle caviglie.

All'approccio alla cascata di Bukhtivetska
All’approccio alla cascata di Bukhtivetska

Di tanto in tanto i visitatori creano un passaggio con le pietre. Ma sono scivolose e molto scomode per stare in equilibrio su di esse. Con il tempo asciutto è molto più facile farlo, ma in primavera o dopo la pioggia è più difficile.

Se si dispone di scarpe da trekking impermeabili di buona qualità, si può attraversare tranquillamente solo con l’acqua. In estate l’ho fatto con le infradito, ma l’acqua del fiume di montagna era ancora gelida anche a +35 e il giorno dopo me ne sono pentito.

Come raggiungere la cascata Buhtivetska

In auto

Dal villaggio di Pasichna non c’è strada da percorrere. Inoltre, il percorso è costellato di pietre taglienti ed è estremamente sgradevole. Bisogna guidare a una velocità di circa 10 km/h.

Se siete molto attenti alla vostra auto, potete lasciarla all’uscita del villaggio e percorrere il resto della strada a piedi.

Se la trattate come me – come un mezzo di trasporto e non svenite per un graffio in più – potete provare a guidare direttamente verso la discesa. La Golf Variant se l’è cavata facilmente, io sarò a pieno carico di passeggeri, ma il sottoscocca un paio di volte ha comunque graffiato le rocce.

Con i trasporti pubblici

Per prima cosa è necessario raggiungere la città di Nadvornoye nella regione di Ivano-Frankivsk. È possibile farlo in autobus da Ivano-Frankivsk o in treno.

Poi si può prendere un bus navetta dalla Nadvornaya alla Pasechnaya o fare l’autostop. Poi si può andare a piedi dal villaggio.

Altre opzioni

Per gli escursionisti giornalieri e i ciclisti, consiglio di prendere in considerazione un percorso a senso unico o circolare dalle cascate Buhtivetski a Manyavski.

Эта запись также доступна на: Русский (Russo) English (Inglese) Українська (Ucraino) Deutsch (Tedesco) Español (Spagnolo) 简体中文 (Cinese semplificato) Français (Francese)