,

Il nuovo paesaggio di Khortytsya dopo l’esplosione della centrale elettrica di Kakhovskaya e ciò che si può trovare nell’ex fondo del fiume Dnieper

Ho lasciato la mia città natale Zaporozhye in aprile per riprendermi dalla perdita dei miei cari. Quando sono tornata a luglio, mi aspettava un paesaggio diverso in luoghi familiari alla mia infanzia. Nuovi territori, tonnellate di rifiuti e la famosa terra del Grande Prato, che pochi cittadini hanno visto. Sono riuscito a fare un reportage su come appare ora Khortytskyi Plavniye e allo stesso tempo a contribuire alla pulizia dei nuovi territori.

Nel lontano 1950, l’URSS iniziò la costruzione di un’altra centrale idroelettrica in quella che allora era l’Ucraina sovietica. Fu una delle più grandi costruzioni dell’epoca. Furono coinvolte 12.000 persone, 1.100 veicoli, 30 escavatori, 75 gru, 100 bulldozer e 14 locomotive a vapore.

La costruzione portò alla formazione del bacino di Kakhovka, con una superficie di 2155 km². Per tre anni, dal 1955 al 1958, fu riempito d’acqua, inondando le terre storiche di Velikiy Lug. Quasi tutto il territorio finì sott’acqua, tranne alcuni pezzi di terra nella parte sud-orientale dell’isola di Khortytsya (Khortytskye plavnye, dove ero solito passeggiare) e sulla riva sinistra del Dnieper (Domakha).

Intorno alle 2:50 del 6 giugno 2023, a seguito delle ostilità tra Russia e Ucraina, la centrale idroelettrica di Kakhovka scoppia e crolla. Centinaia di migliaia di tonnellate d’acqua si sono riversate a valle, inondando e demolendo tutto ciò che incontrava sul suo cammino.

Mentre a valle del bacino di Kakhovka tutto è stato soggetto a inondazioni temporanee o permanenti, a monte della centrale idroelettrica il livello dell’acqua è sceso, portando in superficie l’area di Veliky Meadow per la prima volta in 68 anni.

Nella zona intorno alla mia città di Zaporizhzhya ha iniziato a formarsi un nuovo paesaggio e il Dnieper si è abbassato. Naturalmente, la maggior parte delle nuove aree si trova a valle, nella zona del fiume Yanchekrak e in basso, vicino a Vasilievka. Purtroppo, a causa della linea del fronte, non è possibile visitarle.

Anche il territorio dell’isola di Khortytsya, la mia preferita, è chiuso alle visite dal COVID-19, ad eccezione di alcune località turistiche.

Eppure, sono riuscito a raggiungere legalmente l’isola e a filmare quello che ora sembra il fondo del fiume Dnieper. E allo stesso tempo – a contribuire a ripulire le tonnellate di rifiuti trovati dentro e sulla sabbia.

Vista della riva sinistra del fiume Dnieper dall'isola di Khortytsya
Vista della riva sinistra del fiume Dnieper dall’isola di Khortytsya

Era la mattina del 29 luglio 2023. Fuori fin dal mattino c’era un caldo intenso e sfrigolante, così caratteristico delle nostre steppe. Dopo aver fatto colazione e aver indossato abiti comodi, sono partito per l’isola.

All’uscita dei ponti incompiuti (è dal 2005 che cercano di costruirli, ma non ci sono mai riusciti, prima per la totale corruzione e poi per la guerra), devio in direzione dei letti dei fiumi. Qui siamo andati a cavallo e in bicicletta. Mi fa venire in mente molti ricordi.

Gli agenti di polizia fermano l’auto, chiedendo dove sto andando e perché. Proseguo e raggiungo il villaggio degli Ortofrutticoli. Questo è il punto di incontro dei volontari.

Non solo auto, ma anche diversi autobus di grandi dimensioni sono già in attesa qui. I volontari per la pulizia sono arrivati da tutta l’Ucraina.

Briefing preliminare del Ministero delle Situazioni di Emergenza sul comportamento in caso di presenza di oggetti esplosivi sul fondo del fiume. L'autore della foto non è noto.
Briefing preliminare del Ministero delle Situazioni di Emergenza sul comportamento in caso di presenza di oggetti esplosivi sul fondo del fiume. L’autore della foto non è noto.

Ecco un rapido aggiornamento del Ministero delle Situazioni di Emergenza. Questi territori sono stati teatro di pesanti combattimenti tra l’Armata Rossa e il Terzo Reich durante la Seconda Guerra Mondiale, oltre alla guerra in corso in Ucraina. Tutto ciò ha fatto sì che tra i reperti non ci fossero solo rifiuti e rottami metallici, ma anche oggetti esplosivi. (Tra l’altro, il ritrovamento di mine e munizioni è possibile in molte parti del mondo, soprattutto se si esce spesso dai sentieri segnalati. Sappiate come comportarvi in caso di ritrovamento).

Poi abbiamo preso i sacchi della spazzatura, i guanti e siamo usciti sotto il sole cocente (il fatto che non mi sia scottata è dovuto al fatto che cerco sempre di mettere la protezione solare).

Stavo attraversando la foresta in direzione del Dnieper e, quando sono arrivato in una zona aperta, mi sono fermato in un secondo. Dove era possibile nuotare per decine di metri, la sabbia si estendeva per decine di metri. Avevo visto una situazione simile sulla riva opposta, ma per qualche motivo solo qui mi sono reso conto della portata.

Io e altri volontari durante la pulizia della nuova spiaggia dell'isola di Khortytsya dopo il ritiro delle acque. L'autore della foto non è noto.
Io e altri volontari durante la pulizia della nuova spiaggia dell’isola di Khortytsya dopo il ritiro delle acque. L’autore della foto non è noto.

Non è passato molto tempo dall’alluvione. C’è ancora acqua nelle cavità da qualche parte. È fiorita e ha un cattivo odore. I piccoli pesci sono stati mangiati da tempo dai gabbiani.

I resti degli alberi e dei tronchi che erano rimasti a lungo sul letto del fiume erano ricoperti di conchiglie di piccoli molluschi. I molluschi stessi erano morti, ma le conchiglie si erano seccate sotto il sole della steppa estiva e al minimo soffio di vento producevano un suono silenzioso e melodioso, battendo l’una contro l’altra.

Resti di un albero emerso dalle acque del fiume Dnieper decenni dopo
Resti di un albero emerso dalle acque del fiume Dnieper decenni dopo

Le tracce dell’attività umana sono ovunque. All’inizio abbiamo raccolto bottiglie di vetro: alcune erano state prodotte negli ultimi 10 anni e altre avevano più di 30 anni.

Poi siamo passati a compiti più difficili. Uno di questi è rappresentato dai pneumatici delle auto. Non potendo o volendo smaltirli, per molto tempo automobilisti sbadati e con limitate capacità mentali si sono semplicemente avvicinati alla riva del fiume e hanno gettato i pneumatici in acqua. Dopo essersi depositati per giorni e aver accumulato chilogrammi di limo, venivano letteralmente “risucchiati” sul fondo ed era un compito molto difficile tirarli fuori da questa melma paludosa. È stato necessario utilizzare sia la conoscenza della fisica che la forza bruta.

Anche un pneumatico con un raggio di 15 pollici era difficile da estrarre. Quando abbiamo incontrato i pneumatici di un trattore o di un camion, ci siamo ammassati su di loro in massa.

Anche se dall’esterno sembrava che stessi vagando senza meta con un sacchetto, come molti altri volontari, la pulizia di queste aree è stata piuttosto faticosa. Mi chinavo su ogni pezzo di spazzatura, lo raccoglievo in un sacco, lo riportavo sulla riva a 200 metri di distanza e riprendevo questo compito più volte. Tutto questo perché spero che un giorno la guerra finirà e qui ci sarà di nuovo una spiaggia, i bambini giocheranno e i giovani cammineranno.

È così che ho vagato lungo la costa alla ricerca di rifiuti
È così che ho vagato lungo la costa alla ricerca di rifiuti

A volte sembra che sia possibile raggiungere a piedi la riva vicina. È un inganno, ma oggi molti abitanti della città raggiungono a piedi le scogliere, che ieri erano accessibili solo da un kayak o da una barca, fino alle caviglie nell’acqua.

Il secondo problema era rappresentato dalle corde della nave. Queste corde metalliche si erano interrate nella sabbia e si erano arrugginite dopo decenni di permanenza in acqua. Alcune erano facili da recuperare, altre dovevano essere letteralmente scavate. Non sono leggere e la lunghezza delle corde aumenta la sfida. Meno male che ho il vaccino antitetanico, ho pensato, perché ho rischiato di farmi male con queste corde.

Naturalmente, i reperti storicamente significativi sono scomparsi rapidamente in questa zona. Nei primi giorni dopo il ritiro delle acque, decine di scavatori clandestini si sono recati con i metal detector sulle rive del bacino e, prima che la polizia li raggiungesse, hanno avuto il tempo di portare via gran parte di ciò che oggi viene commercializzato nelle aste locali su Internet.

Una parte di essa è rimasta molto più in profondità. Questo vale soprattutto per i manufatti dell’epoca dei cosacchi. Spero che ci sia ancora l’opportunità di studiare tutto questo per me e come storico-archeologo. Certo, non c’è stato storico a Zaporozhye che nel profondo della sua anima non abbia sognato che un giorno questi territori sarebbero tornati in superficie. È un peccato che sia accaduto in circostanze così terribili.

Il paesaggio è fantastico. Direi alieno. Naturalmente si tratta di un terribile disastro causato dall’uomo, ma ci ha dato l’opportunità di rivedere ciò che pensavamo non avremmo mai più rivisto.

I paesaggi sono a volte completamente post-apocalittici e alieni.
I paesaggi sono a volte completamente post-apocalittici e alieni.

L’acqua residua assume tonalità verdi. Sono in corso processi biologici e chimici. L’odore non è più così forte, ma nelle prime settimane, dicono, la puzza era terribile.

E qui, tra queste distese del Nuovo Grande Prato, giacciono diversi oggetti. C’è una scatola di metallo, arrugginita e con i segni del tempo. Oppure una ruota, come quelle usate nelle biciclette dei bambini. Barili di metallo. Tutti questi oggetti sono stati gettati nell’acqua per liberarsene. Ma questi oggetti hanno una vita propria e sono stati ritrovati decenni dopo.

A volte i ritrovamenti fanno luce non solo sulla storia del Medioevo, ma anche su una storia più recente. Ad esempio, questi elementi in cemento delle panchine suggeriscono che qui un tempo c’era un’area ricreativa sulla spiaggia. Personalmente, come amante della storia di Zaporizhzhya, sarà interessante per me scavare tra mappe e vecchie foto per saperne di più su questo luogo.

In mezzo a tutto questo ci sono anche i resti di grandi pesci, che non sono ancora stati mangiati da animali randagi. Questo sembra riportarci alla realtà e ci ricorda che siamo sul luogo del più grande disastro causato dall’uomo in Europa. Questo sarà scritto nei libri di storia, sarà raccontato a figli e nipoti. E questa è la realtà in cui dobbiamo vivere.

Questa è la nostra nuova realtà. Ciò che è stato nascosto per decenni da tonnellate d'acqua è ora in superficie.
Questa è la nostra nuova realtà. Ciò che è stato nascosto per decenni da tonnellate d’acqua è ora in superficie.

Non so quanto tempo passerà dopo la fine della guerra prima che tutto qui sia stato ripulito dalle mine e la gente comune possa andare in giro senza paura. Quando io e altri archeologi della città andremo a scavare nei territori di New Great Meadow. Ma è inevitabile che accada. E come esploratori del secolo scorso, dovremo riscoprire questa parte dell’Ucraina, che è rimasta sott’acqua per più di mezzo secolo, ed esplorare i misteri che nasconde in sé.

Eppure, si tratta di terreni incredibilmente fertili che ora sono fertilizzati con il limo. Pertanto, sono sicuro che la natura prenderà rapidamente il sopravvento e ripristinerà queste terre. Si ricopriranno di nuovo di verde e saranno un luogo ideale per il ritorno della fauna (in passato abitata da cervi, cinghiali e altri animali).

Ma a valle le cose sono più tristi. E il problema non è limitato solo all’Ucraina. Almeno i Paesi del bacino del Mar Nero, in particolare le aree costiere di Bulgaria e Romania, sono interessati. Ne parlerò in un articolo a parte.

Эта запись также доступна на: Русский (Russo) English (Inglese) Українська (Ucraino) Deutsch (Tedesco) Español (Spagnolo) 简体中文 (Cinese semplificato) Français (Francese)