,

La fortezza di Daugavgrīva a Riga. Dove la Russia ha avuto per la prima volta accesso al mare

Il mio amore per i castelli è irresistibile e visitare un Paese senza visitare le fortificazioni è possibile solo se non si trovano nel raggio di 100-200 chilometri. Tuttavia, nei Baltici non ci sono problemi, quindi da Riga siamo andati alla fortezza di Daugavgriva. Per fortuna è molto vicina.

Questa fortezza si trova su una penisola nel Golfo di Riga e ha una storia molto ricca. Oggi fa parte di uno dei quartieri della capitale lettone. Passeggiamo insieme tra le rovine e allo stesso tempo vi mostrerò delle foto, vi racconterò le mie impressioni e condividerò informazioni importanti per la vostra visita.

Fortezza Daugavgrīva a Riga. In precedenza si chiamava Ust-Dvinskaya. Oggi è abbandonata, ma un tempo ha svolto un ruolo importante nella storia dell'Impero russo.
Fortezza Daugavgrīva a Riga. In precedenza si chiamava Ust-Dvinskaya. Oggi è abbandonata, ma un tempo ha svolto un ruolo importante nella storia dell’Impero russo.

IMPORTANTE! Esiste la fortezza di Dvinska (Dinaburg, Daugavpils) e la fortezza di Ust-Dvinska (Daugavgriva). Si tratta di località diverse. Questo articolo si occupa di quest’ultima.

[toc]

Le mie impressioni

All’inizio stavo già pensando che avrei dovuto cancellare la gita a questa fortezza. Abbiamo cambiato l’autobus dal nostro appartamento all’autobus giusto, e l’abbiamo percorso per circa 20 minuti finché non mi sono resa conto che stavamo andando nella direzione opposta! Il mio navigatore preferito su Maps.me mi ha deluso, oppure sono stata io stessa disattenta – chi lo sa.

Ma, essendo di umore positivo, abbiamo aspettato l’autobus di ritorno che, va notato, non passava molto spesso. Abbiamo aspettato e siamo arrivati quasi ai confini di Riga.

Il viaggio dura un’ora, poiché la strada dista circa 16 chilometri dal centro.

Scendiamo alla fermata dell’autobus, iniziamo a navigare (ora con dei dubbi) verso il punto che ci serve. Oltre a tutto – si tratta di una fortezza, che è circondata da fossati e acqua, il che significa che non si può entrare dappertutto.

Tra i boschetti senza navigazione, non è possibile raggiungere immediatamente la porta della fortezza, che è accessibile ai visitatori.
Tra i boschetti senza navigazione, non è possibile raggiungere immediatamente la porta della fortezza, che è accessibile ai visitatori.

Tuttavia, dopo aver vagato tra i boschetti dove i “maiali” locali riempiono tutto di rifiuti, passando per una specie di area militare, abbiamo visto un cancello tra i bastioni e abbiamo capito che eravamo arrivati.

La prima associazione, almeno per me, si è formata in qualche modo con la fortezza di Kherson, anche se lì era molto più giovane e non è mai stata utilizzata per il suo scopo. Ma queste strutture sono diventate una delle strutture chiave nella storia dell’Impero russo e della Russia moderna.

La porta d'ingresso della fortezza di Daugavgrīva e il suo stato attuale.
Per qualche strana ragione ho associato questo cancello alla fortezza di Kherson

L’acqua dei fossati è in piena fioritura, ma questo le conferisce un certo fascino.

All’interno tutto è invaso da erba ed erbacce. Il forte è abbandonato e nessuno ha intenzione di curarlo o restaurarlo. Mi sono ricordato del 5° forte di Brest. Anche lì tutto era abbandonato e trascurato nel 2014, quando ci sono stato l’ultima volta.

Le fortificazioni sono state parzialmente conservate fino ad oggi, quindi è possibile salirci sopra, ma bisogna fare attenzione: alcune tavole sono marce, da qualche parte un mattone potrebbe cadervi in testa.

Bisogna fare molta attenzione a non cadere in testa. È in stato di abbandono, ha più di 400 anni!
Bisogna fare molta attenzione a non cadere in testa. È in stato di abbandono, ha più di 400 anni!

Se si osserva il bastione dall’alto, utilizzando un quadrocopter o, come me, immagini satellitari economiche, si può notare che ha la forma di una stella. Come più di 600 altre strutture fortificate in tutto il mondo, nello stile caratteristico di quell’epoca (la maggior parte in Europa, con una concentrazione nell’attuale Ucraina((https://cutt.ly/FeMc2sb))). Tuttavia, ci sono anche alcuni movimenti che cercano in essa una cospirazione mondiale e un significato nascosto. In realtà, tutto è molto semplice: questa forma fu causata dalla comparsa delle armi da fuoco e dalla comodità di bombardare gli accessi alla fortezza pentagonale dai bastioni piuttosto che dalle torri rotonde.((Муратова С. Р. Влияние западноевропейских традиций военного зодчества на развитие инженерных идей и форм фортификации на Урале и в Западной Сибири в XVIII в. / Светлана Раиловна Муратова. // Вестник Томского государственного университета. – 2018. – №429. – С. 168–174.)).

Vista satellitare della Fortezza di Daugavgrīva, che permette di intravedere la sua forma poligonale
La fortezza ha la forma di una stella poligonale, come molte all’epoca. Cosa ne pensate, qual è il segreto della “moda” di questa forma all’epoca?

Altri esempi famosi di forte costruito a forma di stella sono il forte di Baurtange nei Paesi Bassi, la fortezza di Pietro e Paolo a San Pietroburgo, che sono sopravvissuti fino ai nostri giorni, e quelli che sono già andati perduti (ad esempio, la fortezza di Alessandro, oggi città di Zaporozhye).

Girare a lungo qui intorno non è particolarmente interessante. Un’ora è sufficiente per esplorare tutti i luoghi da ogni lato. E non è possibile avvicinarsi dappertutto: i cespugli d’erba alti fino al ginocchio promettono un incontro con le zecche.

Tutto è invaso non solo da erba ma anche da arbusti.
Tutto è invaso non solo da erba ma anche da arbusti.

In alcuni punti sono visibili resti di rotaie, che venivano utilizzate per trasportare granate e cannoni.

Resti di binari nella fortezza di Ust-Dvinsk per la consegna dei cannoni
Queste rotaie erano utilizzate per facilitare la consegna di proiettili e cannoni dall’armeria alle postazioni di tiro.

Alcuni manufatti sono moderni e molto più inquietanti. Per esempio, qualcuno ha portato qui una sedia e ha teso un filo sul soffitto in strani disegni simili a ragnatele. Chissà che tipo di rituali si svolgono qui?

Una sedia e uno strano disegno di fili tra le rovine della fortezza di Daugavgrīva.
Questa foto, personalmente, mi fa venire la pelle d’oca. Una sedia nelle casematte abbandonate, una rete di fili sopra la mia testa….

La torre al centro non è meno interessante per la sua storia, anche se già dall’esterno è difficile vedere qualcosa.

L'ex torre dell'acqua, anche l'ex campanile della chiesa ortodossa nella fortezza dal tempo delle truppe dello zar qui.
L’ex torre dell’acqua, anche l’ex campanile della chiesa ortodossa nella fortezza dal tempo delle truppe dello zar qui.

Si tratta del campanile dell’antica chiesa ortodossa, costruita qui per i soldati dell’esercito dello zar.

Una caratteristica interessante è che l’edificio aveva un’entrata e un’uscita in modo che i soldati potessero pregare senza creare folla, cosa molto importante prima di una battaglia.

Ex chiesa ortodossa sul territorio della fortezza di Ust-Dvinsky prima della sua distruzione.
Ecco come appariva la chiesa ortodossa sul territorio della fortezza. Poi è stata distrutta, è sopravvissuto solo il campanile. Fonte: digger37.narod.ru

Nel 1919 fu prima danneggiato e poi definitivamente distrutto. L’unica cosa che sopravvisse fu il campanile, che fu trasformato in una torre dell’acqua.

Storia della fortezza

Una descrizione della storia del forte fatta dal capitano dello Stato Maggiore del forte, nel 1912, fornisce una buona visione della storia del forte.1.

La prima fortezza in questo luogo apparve nel 1205, come monastero dei fratelli cistercensi. Tre anni dopo fu fortificata con un castello al suo interno e divenne la copertura di Riga dalle navi nemiche e una base per i tedeschi che stavano sviluppando le terre baltiche.

All'interno delle rovine della fortezza di Ust-Dvinsky. Foto.
All’interno delle rovine della fortezza di Ust-Dvinsky. Foto.

Vent’anni dopo, nel 1228, la fortezza fu completamente distrutta per la prima volta. Per la prima, ma non certo per l’ultima volta. Il castello, allora chiamato Dunamünde, fu distrutto e ricostruito molte altre volte durante gli scontri tra i cavalieri, l’arcivescovo e i cittadini.

Ad esempio, nel 1297, il 2 maggio, gli abitanti di Riga distruggono in parte i cavalieri, in parte li espellono dalla città e il loro castello viene distrutto e bruciato. Per vendicarsi, l’Ordine decide di assediare la città e di bloccare la principale via di trasporto di cibo e merci: il fiume Dvina occidentale. Così ricomprano il castello ricostruito, che si trova in un luogo strategicamente importante.

La posizione favorevole giocò un ruolo importante nella vita della fortezza, che passò di mano in mano e fu un avamposto sulla strada per Riga.
La posizione favorevole giocò un ruolo importante nella vita della fortezza, che passò di mano in mano e fu un avamposto sulla strada per Riga.

Nonostante gli sforzi degli abitanti di Riga per cacciare i cavalieri dal castello e riprendere il controllo della foce del fiume, l’Ordine si impadronì seriamente del castello e riuscì a conquistare la struttura solo nel 1329. Ma quasi subito il Gran Maestro dell’Ordine Teutonico riconquistò il diritto al castello, stringendo un’alleanza con i Lituani, che all’epoca stavano devastando le terre vicine.

Nel 1435, l’arcivescovo di Riga riconobbe il diritto dell’Ordine sul castello, per il quale ricevette 20.000 marchi, ma nel 1481 riprese la lotta tra l’Ordine Livoniano e gli abitanti di Riga e il castello divenne uno strumento di pressione: alle navi mercantili fu proibito di entrare nella foce del fiume e gli abitanti iniziarono un blocco del castello, che si concluse nel 1483 con la sua cattura e completa distruzione. Questo fu un grave errore, poiché la roccaforte andò perduta e nel 1491 portò al riconoscimento del potere dell’Ordine. Dopo altri 6 anni, i cavalieri ricostruirono qui il castello, rinforzandolo con torri e un fossato d’acqua, oltre a rondelle, che furono ricostruite in bastioni nel 1550.

Mura dell'antica fortezza di Ust-Dvinsky. Foto.

In seguito alla cessazione dell’Ordine cavalleresco, queste terre furono rapidamente conquistate dalla Polonia. L’ex Maestro dell’Ordine fu nominato governatore del Ducato di Curlandia e Livonia, dove la sua residenza fu fissata nella fortezza di Dinamund.

Nel 1582, il re polacco Stefan Batory visitò questo luogo e, dopo aver valutato l’importanza del suo valore strategico, ordinò di aumentare i bastioni, approfondire i fossati e migliorare la sua prontezza di difesa.

Nel 1608 il castello fu occupato dagli svedesi. All’incirca nello stesso periodo il vecchio canale cominciò ad abbassarsi e quello meridionale, oggi esistente, divenne più profondo e navigabile. Nello stesso periodo fu eretto nell’angolo uno Sternshanets quadrangolare che chiudeva il letto del fiume, rendendo così possibile il dominio della navigazione su due fiumi contemporaneamente: la Dvina occidentale e l’Aa-Kurland. In questo modo furono gettate le fondamenta dell’attuale fortezza, nonostante alla fine dell’anno gli svedesi avessero già lasciato il castello e un anno dopo la fortezza tornasse ai polacchi. Fu chiamata Neimünde.

Nel 1617 la flotta svedese cattura le fortezze, poi viene sconfitta un mese dopo, ma non resiste a lungo e all’inizio dell’autunno viene sconfitta dagli abitanti di Riga.

Le pareti erano fiorite e umide. Avevano bisogno di essere curati. Ora tutto ha bisogno di essere restaurato per attirare nuovamente le persone.
Le pareti erano fiorite e umide. Avevano bisogno di essere curati. Ora tutto ha bisogno di essere restaurato per attirare nuovamente le persone.

Nel 1621 lo sbarco della marina svedese al comando di Herman Wrangel occupa i castelli e Riga. E quando, in seguito all’armistizio, Riga e il castello vennero definitivamente ceduti. Il vecchio castello perse la sua importanza e quello nuovo (Neimünde) prese già il suo nome. Fu ricostruito in una fortezza a 6 bastioni, come è ora. Possiamo quindi affermare che il castello assunse l’aspetto attuale tra il 1670 e il 1680.

Ben presto Pietro il Grande decise di ottenere l’accesso al mare, per cui diresse i suoi piani verso gli Stati baltici. Dopo la sconfitta degli svedesi a Poltava, le truppe del conte Sheremetiev si spostarono su Riga, il cui assedio durò 9 mesi.

La passeggiata non sarà lunga, ma ne vale la pena!
La passeggiata non sarà lunga, ma ne vale la pena!

Prima ancora della caduta di Riga, le truppe dell’Impero russo si impadronirono di Dinamünde. Costruirono una ridotta sul fiume Dvina, tagliando il collegamento della fortezza con Riga, e un’altra tagliò il collegamento con la Svezia. La carestia e la peste scoppiarono nella fortezza, che decise di arrendersi. A seguito di negoziati, la guarnigione capitolò, lasciando la fortezza con armi, stendardi e musica. Da quel momento l’Impero russo ottenne l’accesso al mare e proprio in questo luogo.

La fortezza aveva anche un’importanza strategica nell’Impero russo. Era spesso visitata dai più alti dignitari: Pietro 1, Pietro il Grande, Alessandro 2, Nicola 2, i principi Nicola Alexandrovich e Vladimir Alexandrovich.

Pianta della fortezza al tempo dell'Impero russo
Pianta della fortezza al tempo dell’Impero russo

La fortezza era quindi la chiave per il possesso di Riga e la possibilità per la Russia di raggiungere il mare.

All’inizio del XX secolo la fortezza passò di mano: truppe russe, lettoni, tedesche, bolsceviche, di nuovo lettoni…. Anche il Kaiser tedesco Guglielmo II venne qui in visita.

Foto di un giornale tedesco della Prima Guerra Mondiale con un articolo sulla visita di Guglielmo II alla fortezza. Per quanto riguarda la foto, non è certo che sia stata scattata in questo luogo esatto.
Foto di un giornale tedesco della Prima Guerra Mondiale con un articolo sulla visita di Guglielmo II alla fortezza. Per quanto riguarda la foto, non è certo che sia stata scattata in questo luogo esatto.

Solo nell’autunno del 1919 la situazione si “stabilizzò” e la fortezza fu ceduta alla Repubblica di Lettonia, venendo ribattezzata in fortezza Daugavgrīva. L’esercito lettone vi stabilì una base per le sue unità e la chiesa fu trasformata in una torre d’acqua.

Dopo l’avvento del potere sovietico, il forte ha continuato a svolgere un ruolo importante, diventando una base militare per dragamine e sottomarini, e nel 1993 è stato rilevato dalle forze armate lettoni. A quel punto non aveva più alcuna importanza e nel 1995 il complesso è stato riconosciuto come monumento architettonico di importanza statale. Tuttavia, il progetto di trasformarlo in un luogo turistico è fallito, presumibilmente a causa di una società senza scrupoli che aveva affittato il territorio.2.

Oggi la fortezza è in uno stato molto triste e non si trovano
Oggi la fortezza è in uno stato molto triste e non si trovano “estremi”. Tuttavia, ha ancora il potenziale per diventare un’attraente attrazione turistica.

Informazioni turistiche

Come arrivare

La fortezza si trova alla periferia della città, in Birzes iela 2, Kurzemes rajons, Riga, LV-1016, Lettonia. Le coordinate di ingresso sono 57.044325, 24.041288.

Si può arrivare in auto, in taxi, in bicicletta o con i mezzi pubblici.

Se volete prendere l’autobus, prendete il numero 3, 30, 36, 56, 246 o 346 e andate alla fermata Daugavgrīvas cietoksnis. Poi navigate o andate con tutti gli altri, i turisti vengono spesso qui.

Modalità di funzionamento

Dal 2019 è possibile entrare liberamente nella fortezza, in qualsiasi momento. I cancelli che c’erano nel 2008 non sono più al loro posto. Tuttavia, quando si passeggia di notte, bisogna fare attenzione e prestare attenzione ai cartelli per evitare di entrare nel territorio della base militare.

Sarete a Riga? Siete interessati alla storia militare? Allora prendetevi il tempo necessario per visitare la Fortezza di Daugavgrīva.
Sarete a Riga? Siete interessati alla storia militare? Allora prendetevi il tempo necessario per visitare la Fortezza di Daugavgrīva.

  1. Жамов В. Е. “Усть-Двинск” – краткий исторический очерк с 12 чертежами / В. Е. Жамов. – Рига: Издание штаба крепости, 1912. []
  2. И. Дименштейн Неприступная твердыня. DELFI. URL: https://rus.delfi.lv/archive/nepristupnaya-tverdynya.d?id=11988014 (дата обращения: 27.11.2019) []

Эта запись также доступна на: Русский (Russo) English (Inglese) Українська (Ucraino) Deutsch (Tedesco)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *